La terapia del calore per la cervicale: quali sono i benefici?

Contratture muscolari, posture scorrette, malocclusione dentale, stress, sforzi prolungati, discopatie, variazioni repentine di temperatura… Sono tante e diverse le cause del dolore cervicale. Per fortuna, ci sono anche vari rimedi per la cervicale infiammata e dolorante.

Oggi ti parlo della terapia del calore, o termoterapia che dir si voglia, un approccio utile soprattutto in caso di cervicalgia dovuta a contrattura muscolare.

Vediamo in cosa consiste la termoterapia.

Cos’è e a cosa serve la termoterapia

Questo tipo di trattamento ha origini che si perdono nella notte dei tempi. Il calore a scopo curativo, infatti, non è un’invenzione moderna: sappiamo che veniva utilizzato già dagli antichi Egizi, e poi dai Greci e dai Romani.

Ma torniamo ai giorni nostri… Oggi rientrano nella famiglia delle terapie termiche molti trattamenti. Ne fanno parte i bagni termali, per esempio, così come alcune terapie strumentali praticate dai fisioterapisti, come la radarterapia, che sottopone il paziente a onde elettromagnetiche che generano calore.

Insomma, ciò che accomuna tutti i tipi di termoterapia è la produzione del calore. Ma, nello specifico, quale azione benefica ha il calore? In quali condizioni può essere impiegato? Te lo spiego subito.

Lo scopo è quello di alleviare il dolore muscolare da contrattura o quello articolare legato a condizioni patologiche come le affezioni reumatiche. Non solo: la terapia del calore si è dimostrata utile anche per combattere i dolori mestruali.

L’azione del calore sui muscoli

Forse già saprai che il calore agisce sul meccanismo della vasodilatazione. La conseguenza? In questo modo, viene stimolata la vascolarizzazione del muscolo, quindi l’afflusso di sangue, che porta con sé ossigeno e sostanze nutrienti e aiuta a eliminare le tossine accumulate a causa dell’infiammazione.

Insomma, l’effetto virtuoso del calore è quello di nutrire il muscolo e, allo stesso tempo, depurarlo dalle sostanze nocive. Grazie a questa catena di reazioni, le fibre muscolari irrigidite si rilassano e il dolore allenta la sua morsa.

In poche parole, con la termoterapia:

  • si va a diminuire la contrattura e i suoi sintomi;
  • si contribuisce al recupero del muscolo.

Ora che abbiamo capito cos’è la termoterapia, a cosa serve e come agisce sui dolori muscolari, concentriamoci sul nostro focus e vediamo in quale modo si può utilizzare il calore per contrastare la cervicalgia.

La termoterapia per la cervicale con le fasce autoriscaldanti

Il dolore cervicale può essere contrastato in vari modi, a seconda della causa scatenante: per esempio, se il dolore è una conseguenza di un colpo di frusta, gli specialisti possono consigliare l’uso di un collare, che può essere utile anche in caso di artrosi cervicale.

La termoterapia, invece, è di solito indicata in caso di contratture muscolari e di torcicollo. Tra i dispositivi utilizzati per generare calore, ci sono le fasce autoriscaldanti. Si tratta di fasce adesive che, una volta applicate sull’area dolorante, iniziano pian piano a rilasciare calore, che va a rilassare e decongestionare la parte colpita. L’effetto desiderato è quello di alleviare il dolore.

Ma come sono fatte le fasce autoriscaldanti? Quelle che produco io hanno al loro interno:

  • polvere di ferro
  • carbone
  • sale.

Bada bene: sono tutti elementi naturali! Ma a questo punto ti starai chiedendo qual è il meccanismo che porta alla produzione di calore. È molto semplice: gli elementi che ti ho citato iniziano a sviluppare calore nel momento in cui entrano a contatto con l’aria, grazie a una reazione con l’ossigeno.

Prima di applicare la fascia, consiglio di pulire e asciugare bene la zona. Bisogna poi essere accurati nel posizionamento, e fare in modo che aderisca bene sulla pelle. Nell’arco di 30 minuti circa, la fascia raggiungerà la temperatura ideale e inizierà a fare il suo lavoro.

Mi raccomando, però: chiedi sempre il parere del tuo medico curante. E se soffri spesso di cervicalgia, ricorda che il controllo della postura è un fattore importantissimo, per questo ho dedicato un altro articolo ai consigli per correggere le cattivi abitudini posturali. Ti invito a leggerlo, ti sarà utile: Rimedi contro il dolore cervicale: dalla postura all’attività fisica.